News LE NOVITA’ DEL BONUS LAVORO PER I GIOVANI

LE NOVITA’ DEL BONUS LAVORO PER I GIOVANI

In arrivo nuove opportunità di lavoro per i giovani grazie al Bonus Occupazione 2018.

A partire dal 1° gennaio è entrato in vigore il nuovo pacchetto di incentivi che serviranno ad agevolare l'occupazione giovanile, mediante l'erogazione di aiuti per le aziende che assumono.

Le nuove misure a sostegno delle assunzioni per i giovani rientrano nella Legge di Bilancio 2018. Introducono alcune novità rispetto a quelle in vigore lo scorso anno e, stando a quanto dichiarato qualche tempo fa dal Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, potranno creare ben 300mila opportunità di impiego. 

L'Incentivo Occupazione Giovani è una misura introdotta in Italia per favorire l'inserimento lavorativo dei giovani, nell'ambito di Garanzia Giovani, ovvero il piano europeo per combattere la disoccupazione giovanile. Si tratta di una agevolazione rivolta alle aziende che assumono ragazzi iscritti al programma, mediante una diminuzione del costo del lavoro.

Cosa significa? Che i datori di lavoro possono usufruire di una riduzione dei contributi previdenziali che, per legge, devono versare a favore dei lavoratori assunti. Con il Bonus in vigore lo scorso anno, la cui attuazione era disciplinata dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, l'agevolazione veniva erogata in 12 rate mensili e poteva essere concessa fino ad un massimo di 8.060 Euro l'anno.

 A partire dal 1° gennaio 2018, con l'entrata in vigore della Legge 27 dicembre 2017, n. 205, relativa al 'Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2018 e bilancio pluriennale per il triennio 2018 – 2020', il vecchio pacchetto di incentivi per l'occupazione giovanile è stato sostituito dal nuovo Bonus Lavoro Giovani 2018.

La nuova Legge di Bilancio, infatti, prevede apposite misure per favorire l'occupazione giovanile stabile, indicate nei commi da 100 a 115 dell'Articolo 1 del provvedimento. Si tratta, nello specifico, di uno sgravio fiscale, a valere sui contributi Inps, per i datori di lavoro privati che assumono giovani con contratti a tutele crescenti.

Il Bonus Lavoro Giovani può essere richiesto da tutti i datori di lavoro privati che assumono giovani che non sono mai stati occupati a tempo indeterminato, che non hanno compiuto 35 anni di età, nel caso di assunzioni effettuate entro il 31 dicembre 2018, o di età non superiore a 29 anni compiuti per le assunzioni effettuate successivamente.



In evidenza